lunedì 15 febbraio 2016

Fotografare i nidi oppure no? cosa è meglio fare?

Upupa che imbecca un giovane
 Foto da capanno posizionato a 10 metri dal nido, costruito in inverno, molto prima che arrivino le Upupe dall'Africa.
La cassetta è stata utilizzata con successo per tre anni consecutivi, il quarto anno purtroppo i Calabroni se ne sono impossessati e l'Upupa è andata a nidificare altrove.

Negli ultimi anni ci si è interrogati molto sull'opportunità o meno di fotografare le nidificazioni degli uccelli. La conclusione più diffusa è quella di scoraggiare in ogni modo questa pratica, in quanto è molto pericolosa e rischia di compromettere la buona riuscita della riproduzione.
In effetti gli uccelli abbandonano con molta facilità la nidiata, soprattutto se sono in cova.
Però io penso che si stia passando da un eccesso all'altro. Il proibizionismo assoluto e la politica dei puristi sta esasperando l'approccio a questa questione.
Secondo me sarebbe meglio educare i fotografi naturalisti ad un comportamento corretto, piuttosto che semplicemente proibire e lasciando di fatto l'interpretazione del problema ai singoli.
Potremmo ad esempio condividere delle linee guida comportamentali.
Sarebbe bello avere un decalogo di riferimento e tanto buon senso.
Io ho una mia idea ben precisa che si potrebbe riepilogare in questi punti:

  1. E' meglio non fare le foto ai nidi o ai piccoli non ancora autonomi.
  2. Se proprio dobbiamo fare delle foto ai nidi facciamole da lontano, molto lontano.
  3. Non usare flash o posizionare macchine fotografiche con telecomando molto vicine al nido.
  4. Non toccare i nidi o i piccoli con le mani, se occasionalmente ne trovate uno, allontanatevi in fretta e non modificate nulla dell'ambiente o vegetazione intorno al nido.
  5. Non fotografate rapaci o uccelli rari.
  6. Se fate un appostamento fatelo da lontano, decine e decine di metri mimetizzandovi al massimo.
  7. Se gli adulti sono in cova allontanatevi e non fate le foto.
Ma allora quando fare le foto ai nidi?

Anche se non vogliamo, prima o poi ci troveremo inevitabilmente ad incontrare degli uccelli in nidificazione. Quindi fermo restando quanto sopra credo che con il buon senso in alcuni casi si possano fare fotografie .

Di seguito i casi in cui penso si possano fare le foto ai nidi:

  1. Alle rondini che nidificano sui nostri cornicioni. Non vedo cosa ci sia di male se facciamo qualche scatto alla Rondine o Balestruccio che come ogni anno conferma la sua presenza costruendo il nido sulle mura della nostra casa. Chiaramente non ci dobbiamo avvicinare, ma possiamo fare degli scatti dalla stessa distanza da dove di solito loro sono abituate a vederci.
  2. Ai nidi artificiali posti nel nostro giardino. Io ho delle cassette nido visibili dalle finestre della casa. Posso fare delle foto senza neanche uscire da casa. Oppure dalla macchina parcheggiata.
  3. Se ne abbiamo la possibilità costruiamo dei capanni in prossimità di zone strategiche, ad esempio non lontano da alberi secchi dove potrebbero nidificare Picchi o altri uccelli. Se dovessero nidificare potremmo utilizzarlo, non si accorgerebbero della nostra presenza visto che sono già abituati a vedere il capanno da molto tempo.
  4. Alcuni uccelli come il Merlo o lo Scricciolo a volte nidificano addosso a casa sfruttando le siepi o i rampicanti. Uno scricciolo ha nidificato sul muro della rampa di casa mia sfruttando un rampicante aggrappato alla parete. Mi bastava stare in macchina dentro il garage per fare degli scatti. Mentre il Merlo un anno ha usato la parete esterna del magazzino per gli attrezzi, rimanendo in cova immobile al nostro passaggio (due tre metri di distanza).
Potrei citarne altri, ma credo che il concetto sia ben chiaro. Se gli uccelli hanno deciso di abitare la nostra casa o il nostro giardino per nidificare, vuol dire che la nostra presenza non li disturba. Probabilmente hanno accettato questo compromesso. Se sono abituati a noi non vedo cosa ci sia di male se anziché solo guardarli li fotografiamo.

Per gli uccelli che invece abitano ambienti selvatici, le precauzioni sono sempre le stesse. Mettersi molto lontano e molto mimetici. Comprate un teleobiettivo potente 500-600 mm . Ne esistono anche di economici (zoom 150-600 mm Sigma o Tamron). Mi è capitato di fotografare il Picchio rosso maggiore al nido da 20-30 metri mimetizzato con un capanno nella vegetazione. Non hanno smesso di arrivare e andare dal nido. Sostavano a lungo senza cambiare atteggiamento. Il tronco era distante ma ben visibile da lontano.
Bisogna a mio avviso conoscere bene la specie che si sta osservando. Questo è necessario per capire se stanno assumendo un comportamento anomalo e quindi di rischio.

La storia ci ha insegnato che il proibizionismo in genere non risolve i problemi. E' meglio utilizzare l'educazione e la conoscenza per far crescere la consapevolezza etica delle persone.

La mia raccomandazione finale è quella di considerare le osservazioni precedenti e se abbiamo il ben che minimo dubbio di arrecare disturbo, dobbiamo sicuramente rinunciare.

Di seguito alcune foto fatte ai nidi in questi anni:

Giovane Cinciarella che si affaccia dal nido
 Questa foto non è stata accettata in un gruppo fotografico naturalistico di Facebook perchè contro il regolamento
Io rispetto i regolamenti e quindi l'ho tolta, ma credo al tempo stesso che vedere questa foto non istighi a disturbare gli uccelli, ma credo che possa far venire la voglia a qualcuno di posizionare una cassetta in giardino per ammirare questo spettacolo.
Sono anni che dal mio giardino di involano decine e decine di Cinciallegre e Cinciarelle.


Giovane Upupa che si affaccia dalla cassetta in attesa dell'imbeccata

Giovani Balestrucci nel nido sopra la finestra di casa.
Sono anni che nidificano con più nidi intorno a casa.



Scricciolo nei pressi del nido.
Ha nidificato sul tronco della palma davanti casa (tre metri).
Ogni hanno nidificano nelle siepi intorno casa, oppure in mezzo ai rampicanti sui muri o sui tronchi delle palme nane.



Rondini al nido. Questo nido viene occupato da moltissimi anni.
E' posizionato davanti una porta d'ingresso molto frequentata a circa due metri e mezzo da terra.
Eppure ogni anno imperterrite fanno regolarmente le due covate stagionali andate sempre a buon fine
.








Nessun commento:

Posta un commento