Come costruire un nido artificiale

Basta avere un po di confidenza con il bricolage .

Esistono vari modelli, ma per iniziare ci possiamo orientare su uno classico per cince .
Modelli classici per Cincie e altri Passeriformi

La cosa più importante è il diametro del foro d'ingresso il quale a seconda delle dimensioni può favorire la nidificazione di una specie piuttosto che un'altra.

Alcuni pensano che il foro d'entrata debba essere abbastanza grande, ma in realtà per un passero o una cinciallegra bastano 3 cm , se invece vogliamo riservare la nostra cassetta alla cinciarella ( che è più piccola ), occorre ridurre ulteriormente la misura a 2,6 cm , in questo modo le cinciallegre non riescono ad entrare ma la cinciarella si .

Comunque di seguito vado a dettagliare le misure e le caratteristiche del nido

Esistono vari tipi di nidi artificiali, adatti a diverse specie, ma per iniziare possiamo utilizzarne uno classico standard, al quale si adattano diverse specie di uccelli.

La cassetta classica costruita con tavole di abete e con foro d'ingresso di circa 3 cm di diametro .

Ecco le tavole necessarie con le relative misure :
Retro - 45x10 cm
Fronte - 27x10 cm
Lato - 30x15 (lato lungo) 27x15 lato corto
Lato - 30x15 (lato lungo) 27x15 lato corto
Fondo - 13x15
Tetto - 16x18

Tutte le tavole sono tagliate in modo rettangolare tranne i lati che hanno il taglio obliquo 15x27x30 .

VEDI ANCHE :
Come costruire una Bat Box - cassetta per pipistrelli
Come costruire una mangiatoia per uccelli
Come costruire un nido per il Gheppio
Nido artificiale Rampichino e Torcicollo

Il foro d'ingresso da 3 cm di diametro a circa 18 cm dal fondo.

Il fondo deve avere 4/5 fori fatti conil trapano per consentire il drenaggio in caso di acquazzoni primaverili.

Il tetto può essere fissato con le viti o i chiodi, ma se vogliamo fare delle ispezioni allora occorre usare una piccola cerniera ( vedi foto sotto ), che consente l'apertura dall'alto. Però bisogna fissarlo con un gancio o una vite per impedirne l'accesso ad animali domestici o selvatici.

Io personalmente pratico un foro al tetto e utilizzo una vite per fissarlo ( facilmente svitabile con un cacciavite ).

Considerate sempre che le ispezioni devono essere molto limitate ( una massimo due durante la riproduzione ) .

Il retro ha in alto due fori utilizzati per far passare il fil di ferro plastificato verde, con il quale si aggancia la cassetta ad un ramo.
Per farla aderire e stare ferma bisogna poi usare del filo elastico e la si lega intorno al tronco.

In questo modo la cassetta è ben fissata, ma non si danneggia l'albero.
</>
Posizionare la cassetta a circa 2,5 mt di altezza ( su un albero, un palo, un muro )
orientandola verso sud .
La cassetta deve essere posta in posizione eretta oppure leggermente inclinata
( come nella figura ) , per non far entrare l'acqua piovana .
La cassetta va posta in dicembre/gennaio e và tolta in settembre per essere completamente
pulita all'interno e poi riposizionata in dicembre.
Il posizionamento invernale aumenta le possibilità di successo in quanto gli uccelli hanno
il tempo di conoscere e visitare il nido che poi verrà utilizzato a partire da marzo .







Cassette classiche per Cincie

A sinistra cassetta a cuneo per Rampichino - a destra Cassetta aperta per Pettirosso o Pigliamosche


Cassetta classica per Cincie



Giovane di Cinciallegra che sta per uscire dal nido - Giugno
Nikon D80 - 70-300 VR ED f 4.5 - 5.6
Giovani di Cinciallegra ( Parus Major ), dentro il nido pronti per l'involo

La costruzione è abbastanza semplice basta avere un po di dimestichezza con attrezzi da bricolage, chi invece volesse comprarne una esistono molte associazioni e rivenditori su internet.

12 commenti:

  1. Bellissime immagini e bellissime iniziative. Bravo! Mi piace pensare che esistano tante persone sensibili ai problemi degli uccelli, soprattutto per i mesi invernali.

    RispondiElimina
  2. complimenti, un bel lavoro estremamente utile per chi si avvicina a vivere la natura

    RispondiElimina
  3. Grazie per i complimenti, spero che sempre più persone si interessino alla salvaguardia della natura e degli uccelli in particolare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo encomiabile ,complimenti ciao

      Elimina
  4. molto interessante adesso ne costruirò' uno per questi miei piccoli amici che già sfamo con i girasoli coltivati nell'orto ciao a tutti

    RispondiElimina
  5. Ciao, una informazione... Che diametro deve avere il foro di un nido artificiale per passeri domestici? Qui leggo 3 cm ma su altri siti dicono 3,2 o 3,4 cm. Qual'è il diametro corretto? Non vorrei rimanesse incastrato un passerotto cicciotto! :-)
    Grazie tante,
    Tanya

    RispondiElimina
  6. Ciao Tanya, 3 cm è una misura che va bene un po per tutti, considera che ho fatto cassette dedicate alla Cinciarella che è più piccola, e per evitare che altri la occupassero avevo fatto il foro di 2,6cm , ma una coppia di Passera mattugia l'ha occupata lo stesso. Con 3cm non ci sono problemi, se ci sono passere mattugia in zona interessate, la occuperanno sicuramente.
    Ciao
    Piero

    RispondiElimina
  7. Bravo bella iniziativa davvero, mi sa che ci provo anche io. Ma prima vorrei fare una domanda... banale, immagino che si mettano le mangiatoie nel periodo invernale per facilitare i volatili nel trovare cibo. Ma si possono posizionarle anche nel periodo estivo oppure ci sono controindicazioni?
    Grazie.

    RispondiElimina
  8. Grazie per la visita, la regola vuole e anche il buon senso, di interrompere la fornitura di cibo alla mangiatoia dopo la primavera, non perchè gli uccelli non gradirebbero, ma più che altro per evitare che diventino come i piccioni di città, dipendendi dall'uomo e incapaci a di cavarsela da soli, in estate si può contribuire interrompendo con il cibo, ma fornendo acqua tramite piccole vaschette o recipienti vari.

    RispondiElimina
  9. Ciao volevo sapere le misure per il nido artificiale per un merlo grazie mille
    Letizia

    RispondiElimina
  10. In realtà non esiste un modello di nido per il Merlo, se lo costruiscono da soli, la cosa che si può fare è impiantare siepi o vasi con arbusti cespugliosi, loro li utilizzano per la costruzione.

    RispondiElimina
  11. Ciao, io metto la cassetta nido sul davanzale della finestra, abito al III e ultimo piano di una stecca di case con di fronte giardino e alberi e sono tanti anni che vengano le cinciallegre a nidificare. Le ho abituate dando cibo in autunno/inverno. Sono 2 anni che a mangiare viene anche una coppia di picchio rosso maggiore. Domani costruiro' una cassetta nido per Cinciarelle vedremo se basterà il foro d'ingresso piccolo a indurle a nidificano, temo che conti di più lo scoraggiamento delle cinciallegre. Un anno mi hanno nidificano 2 coppie di cinciallegre usando due cassette poste in terrazza a circa 3,5 mt di distanza l'una dall'altra. Abito a Bologna a 5 km dalle 2 torri. Ciao Paolo

    RispondiElimina